Privacy Policy

venerdì 10 marzo 2017

PADRONI DEL NULLA





Alla fine ci svegliamo da i nostri interessi rendendoci conto in un attimo di tutto quello che è stato della nostra vita.
Ci danniamo tutta la vita per conquistare ed avere sempre di più senza mai fermarci e voltarci indietro ci perdiamo nei meandri del successo e a tutti i costi ne paghiamo il prezzo . 

Non siamo mai contenti e soddisfatti di quello che abbiamo anche se ci basta sia per noi e le nostre famiglie, pretendiamo da noi stessi sempre di più accade che questo modo di essere diventa talmente radicato in noi da volerlo e aspettarlo anche da quelli che ci stanno vicino e ci sono figli.

Sarebbe quasi inutile far capire e comprendere una nuova concezione di vedere e vivere la vita , se non che il bisogno di non accettare tale comportamento egoistico e per niente morale fa prevalere  in me la  voglia  di informare e di esprimere la mia opinione.

Non vivere una vita solo basata sulla produttività e per forza ricca di traguardi il più delle volte imposte dal sistema stesso che riguardino il successo e l'essere vincente o comunque sempre fra i primi della classe, è diventato essenziale se non per chi non gli interessa l'avere e il  possedere ma solo l'essere e conoscere. 

Talmente è forte e radicato nella attuale società il modello capitalistico e di consumo,che non ci accorgiamo nemmeno di viverlo ed esserne partecipi ogni santo giorno della nostra vita, i comportamenti sono svariati tutti noi  fin da piccoli veniamo in contatto con questo modello sociale di pensiero e di comportamento incominciando per esempio  dalla scuola , 

dove solitamente si deve imparare e apprendere le materie che per gli altri sono consone e idonee  alla nostra crescita 

  sia culturale  che dell'intelletto , ma senza pensare che si potrebbe  ascoltare e osservare lo stesso  bambino lasciandolo libero di essere se stesso con le sue espressione e comportamenti che indicano quali interessi voglia intraprendere e conoscere, nella propria .

Cosa è meglio per lui " lasciare libero sfogo alla sua crescita psicofisica connessa alle sue preferenze e materie sociale ancora tutte da sviluppare e accrescere senza esempi da seguire e aspettative da soddisfare" forse è proprio questo che lo farebbe sentire una persona libera e con il cammino da lui scelto da percorrere .

  La persona che cosa realmente intende sviluppare e accrescere nella sua vita che lo aspetta, e quali doti e qualità  vuole raggiungere per se stesso senza dover accontentare nessun altro e senza sentirsi obbligato ha farlo. 

Questi e altri scopi nella propria vita  sono domande da porsi e soprattutto non far si che altri ne rispondano per conto nostro . 

Uno dei fattori comportamentali che accomuna molti dei nostri comportamenti errati e da dimenticare è proprio quello di voler  tenere sotto controllo tutto , anche l'apprendimento .  

Se ci sofferma un attimo cosa c'è di più bello nel vedere sviluppare le proprie diversità e coltivarle senza che ci siano interferenze da parte di altri , ma direttamente da noi stessi per come siamo capaci e con il tempo che ognuno ha bisogno .

Questo modello di crescita individuale  dovrebbe essere libero per ciascuno essere umano, per vivere una vita da  vero protagonista di se stesso fin dalla nascita, e per comprendere liberamente quale cose sono di proprio interesse e quale no.

Noi in questo modo diamo il giusto valore alla parole libero arbitrio o  scelta , senza per forza mettere dei paletti e congetture alle possibili scelte che una persona fin dalla tenere età possa fare, e avere .

By rossofunny

giovedì 2 febbraio 2017

PROGETTO UOMO





Siamo qui
perché non c’è alcun rifugio
dove nasconderci da noi stessi.
Fino a quando
una persona non confronta se stessa
negli occhi e nei cuori degli altri, scappa.
Fino a quando
non permette loro di condividere i suoi segreti,
non ha scampo da essi.
Timorosa di essere conosciuta,
non può conoscere se stessa
né gli altri: sarà sola.
Dove altro se non nei nostri punti comuni
possiamo trovare un tale specchio?
Qui, insieme,
una persona può, alla fine,
manifestarsi chiaramente a se stessa,
non come il gigante dei suoi sogni
né il nano delle sue paure,
ma come un uomo parte di un tutto
con il suo contributo da offrire.
In questo terreno noi possiamo mettere radici
e crescere,non più soli, come nella morte,
ma vivi a noi stessi e agli altri.


by filosofia progetto uomo 

Cerca nel blog